Fidanzata infedele napoletana tradisce il moroso in macchina con Luca

Mi chiamo Michela e questa è primissima volta che mi capita di raccontare per iscritto questa mia avventura erotica. In realtà ho confidato alla mia migliore amica di vaere avto una relazione infedele quando Luca, che ora è mio marito da tre anni, era ancora il mio fidanzato. Io fidanzata infedele napoletana per caso o per scelta: questo ancora, a distanza di alcuni anni, non sono ancora riuscito a capirlo.

Quel passaggio in macchina innocente

fidanzata infeele napoletana

Tutto è iniziato per puro caso. All’epoca andavo ancora all’università ed il mio collega di studio, Luca, mi faceva il filo . Una corte molto discreta ma anche costante. Una pausa cafè era la scusa per riempirmi di complimenti ed il passaggio in macchina un buon momento per propormi qualche uscita. Io cercavo di resistere. Luca mi piaceva molto ma il mio ragazzo , ora mio marito, era il fianzato perfetto. Non pensavo proprio a tradirlo.

Ma quella volta in macchina fu diverso

Si proprio così. Mi ricordo ancora che eravamo in primavera inoltrata. Il 24 aprile . Ci aspettava un lungo ponte con feste e week end. Circa 10 giorni di chiusura delle attività universitarie e Luca decise di provarci in maniera diversa. Sapeva che probabilmente era una elle ultime occasioni per scoparmi. A luglio mi sarei laureata e sarebbe stata una delle ultime volte in cui aveva la possibilità di accompagnarmi a casa con la macchina. E fu in quel giorno che la ragazza universitaria fedele si trasformo in una fidanzata infedele napoletana porca e vogliosa. Non mi più capitato di tradire il mio uomo e non sono certo una infedele seriale . Ma quel giorno successe qualcosa che non aveva molto di razionale e logico.

Luca si offrì di accompagnarmi a casa e dopo un paio di minuti si dirisse verso il mare. Non era quella la direzione per casa mia. Ma non gli chiesi nulla. Sapevo che stava succedere qualcosa. Ed infatti lui arrivò in spiaggia e fermò la macchina. Mi guardè negli occhi e mi mise una mano sulla coscia. Io avrei dovuto dargli uno schiaffo ma non lo feci. Presi la sua mano e la portai verso la mia fica. Lo incoraggia con un gesto tanto naturale quanto inequivacabile. E lui non perse certo altro tempo. Cominciò a baciarmi e , nel frattempo. aveva infilato due dita dentro di me. Ad occchi chiusi comincia a limonare con il mio collega di università. Mi ritrovai le sue mani e la sua lingua dappertutto. Da vera fidanzata infedele ormai senza difese ma vogliosa presi il suo cazzo in mano. Gli stava uscendo dai pantaloni per quanto lo aveva grosso. Lo segai con molta passione e poi me lo misi in bocca il suo cazzo duro. Un lungo , lento e passionale pompino mentre lui ormai si era impradonito dei miei orifizi.

Abbiamo scopata in macchina

Mi infilo un dito nel culo mentre con altre due mi faceva gridare di piacere. Esplorava le mie intimità mentre io ormai ero in preda alla voglia. Volevo essere scopata e gli sali sopra. Lo cavalcai con voglia e lui da sotto mi statuffava per bene . In preda entrambi ad una insana passione ci siamo ritrovati grondanti di sudore e sfiniti dal piacere. Lui mi aveva goduto dentro ed io cominciai a grondare di piacere copiosamente.

Oggi con Luca ci vediamo ancora . Ma non siamo mai andati oltre. Vogliamo conservare questo nostro segreto come un momento piacevole che rimarrà nei nostri cuori.